Ultima modifica: 26 Novembre 2019

Ripensare profondamente l’Alternanza scuola-lavoro, non rilanciarla

Ripensare profondamente l’Alternanza scuola-lavoro,
non rilanciarla

La vice ministra all’Istruzione, Anna Ascani, rilancia ancora una volta il tema dell’Alternanza scuola-lavoro, e, a margine della Convention dei Giovani Imprenditori di Confartigianato dichiara che “negare ai ragazzi il diritto” di entrare in contatto con il mondo del lavoro e delle imprese mentre sono ancora a scuola, “riducendo le ore di Alternanza, è un errore molto grave e quelle ore vanno ripristinate”.

È davvero sorprendente come la vice ministra non abbia saputo cogliere, in questi anni, le elaborazioni e i segnali di difficoltà provenuti dai professionisti della scuola. Docenti, studenti, associazioni professionali, lo stesso Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione hanno chiaramente espresso forti contrarietà all’utilizzo forzoso e massiccio delle ore di attività in alternanza. Perfino le associazioni dei genitori hanno rappresentato preoccupazioni e timori per la presenza obbligata dei ragazzi in alcuni contesti di lavoro.

Non riteniamo auspicabile tornare al modello di Alternanza proposto dalla legge 107/15, anzi, crediamo opportuno riportare l’Alternanza scuola-lavoro a una libera opzione, una possibilità di apprendimento concreto, laboratoriale e, soprattutto, didatticamente scelta dalle scuole, non imposta dall’alto con numeri improponibili in tante realtà del Paese e con l’ennesima amplificazione della disuguaglianza di opportunità tra Nord e Sud.

Le scuole sono il luogo deputato all’istruzione e alla formazione, non fabbriche o negozi, questi possono rappresentare una parte di attività orientata alla concretezza, ma solo dietro la supervisione di chi quelle attività sa e deve programmare all’interno di un più complessivo quadro di educazione alla cittadinanza, al rispetto della legalità, dell’ambiente e dei diritti.

Abbiamo ripetutamente rappresentato queste criticità, tanto da chiedere al Ministro Fioramonti, uno specifico incontro e il contestuale ritiro delle attuali Linee Guida.

Cordialmente
FLC CGIL nazionale

In evidenza

Legge di bilancio 2020, mancano risorse per il comparto istruzione e ricerca. Sindacati pronti a mobilitarsi

Decreto scuola e ricerca: al via la mobilitazione unitaria per i facenti funzione senza laurea

Decreto scuola e ricerca: gli emendamenti proposti dalla FLC CGIL

Notizie scuola

Revisione profili ATA: riprende il confronto con i sindacati all’Aran

Ritorno della Storia agli esami di Stato: il CSPI esprime parere positivo

Stabilizzazione ex LSU e Appalti storici: il parere del CSPI

Appalti scuola: CGIL, Governo trovi soluzioni per garantire occupazione lavoratori pulizie

“Liberi di insegnare, liberi di imparare”, il 5 dicembre a Reggio Emilia

Sicurezza “da brivido” nelle scuole di Firenze e provincia

Assemblea unitaria a Piacenza: i sindacati ricevuti dal Prefetto

La FLC CGIL Siena esprime profonda preoccupazione per la presenza di un gruppo eversivo di estrema destra a Sovicille

Presa di posizione del Direttivo FLC CGIL Pistoia su questione sindaco di Predappio e su minacce a Senatrice Segre

L’Aquila: ecco “Avanti popolo”, la scuola del popolo della CGIL

Tutte le notizie canale scuola

Altre notizie di interesse

“Italia in Classe A”: KDZENERGY, il portale rivolto ai ragazzi

Scegli di esserci: iscriviti alla FLC CGIL

Servizi assicurativi per iscritti e RSU FLC CGIL

Feed Rss sito www.flcgil.it




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi